Fai crescere il tuo account Instagram con oltre 2k follower reali e organiciIniziare
Da Pubblicato il: Marzo 29, 2023

social-media

Al giorno d’oggi ├Ę quasi impossibile immaginare la vita senza l’uso dei social media. Viviamo in un mondo in cui le persone sono connesse attraverso i loro dispositivi e le piattaforme dei social media, e questo fa parte della vita quotidiana. Tuttavia, c’├Ę un Paese che riesce ancora a rimanere una zona libera dai social media: La Corea del Nord.

La Corea del Nord ├Ę un Paese molto riservato e isolato e l’uso dei social media ├Ę fortemente limitato. Il governo controlla da vicino l’accesso dei suoi cittadini a Internet e ai social media, e chi ha accesso a Internet pu├▓ accedere solo alla rete intranet gestita dal governo, che non include l’accesso ai siti di social media. Si stima che solo l’1% della popolazione abbia il permesso di accedere a Internet.

Il governo inoltre censura pesantemente i contenuti disponibili online ed ├Ę stato riferito che il governo utilizza un “gulag digitale” per tracciare e monitorare le attivit├á online dei suoi cittadini.

A causa della mancanza di accesso al mondo esterno, i nordcoreani non hanno accesso alle stesse piattaforme di social media diffuse in tutto il mondo. Nel Paese non esistono account Facebook, Twitter, Instagram o YouTube e i nordcoreani non sono in grado di comunicare con chi ├Ę fuori dal Paese attraverso i social media.

Tuttavia, i nordcoreani sono ancora in grado di comunicare tra loro attraverso un servizio di messaggistica gestito dallo Stato, chiamato Kwangmyong. Questo servizio permette ai nordcoreani di inviare messaggi, accedere alle notizie e scaricare musica e film. ├ł anche utilizzato dal governo per diffondere la propaganda e monitorare i cittadini del Paese.

La mancanza di accesso ai social media in Corea del Nord ha portato a risultati inaspettati. Ad esempio, il governo non ├Ę in grado di diffondere la sua propaganda come vorrebbe, poich├ę non ├Ę possibile raggiungere un pubblico ampio. Inoltre, i nordcoreani hanno dovuto trovare modi alternativi per comunicare tra loro, come il passaparola e la posta cartacea.

La mancanza di accesso ai social media ha avuto anche un effetto positivo sulla vita dei nordcoreani, in quanto li ha costretti a concentrarsi su attività più significative, come passare del tempo con la famiglia, imparare una nuova abilità o impegnarsi in attività fisiche.

Nonostante la mancanza di accesso ai social media in Corea del Nord, ├Ę ancora possibile per i nordcoreani rimanere in contatto con il mondo esterno. I nordcoreani possono ascoltare trasmissioni radiofoniche straniere, guardare programmi televisivi sudcoreani e accedere a informazioni da siti web cinesi. Inoltre, alcuni nordcoreani sono riusciti ad accedere a Internet attraverso l’aiuto di contrabbandieri e disertori.

In conclusione, la Corea del Nord ├Ę l’unico Paese al mondo che non utilizza i social media, a causa dell’accesso fortemente limitato a Internet e della censura dei contenuti. Tuttavia, i nordcoreani sono ancora in grado di trovare modi per rimanere in contatto con il mondo esterno, ad esempio attraverso trasmissioni radiofoniche e siti web cinesi.