Fai crescere il tuo account Instagram con oltre 2k follower reali e organiciIniziare
Da Pubblicato il: Maggio 11, 2023

Le piattaforme di streaming musicale sono uno dei modi pi├╣ popolari per ascoltare la musica al giorno d’oggi. Con cos├Č tante opzioni disponibili, pu├▓ essere difficile decidere quale piattaforma utilizzare, soprattutto se si ├Ę un artista che vuole essere pagato per il proprio lavoro. In questo articolo analizzeremo quali sono le piattaforme musicali che pagano di pi├╣ e perch├ę.

Prima di addentrarci nelle piattaforme specifiche, ├Ę importante capire come vengono pagati gli artisti sulle piattaforme di streaming musicale. In genere, gli artisti vengono pagati in base al numero di streaming che ricevono i loro brani. Ogni piattaforma ha una propria struttura di pagamento, ma tutte seguono un modello simile. Pi├╣ streams riceve un artista, pi├╣ guadagna.

Vediamo ora alcune delle piattaforme di streaming musicale pi├╣ popolari e quanto pagano gli artisti.

1. Tidal

Tidal ├Ę una piattaforma di streaming musicale lanciata nel 2014. ├ł nota per l’alta qualit├á del suono e per i contenuti esclusivi. Tidal paga il tasso di royalty pi├╣ alto del settore, con un pagamento medio di 0,0125 dollari per stream. Non sembra una cifra elevata, ma si accumula rapidamente se un artista ha molti stream.

Tidal ├Ę anche noto per le sue politiche favorevoli agli artisti. Offre agli artisti una ripartizione 50/50 dei ricavi da abbonamenti e pubblicit├á, una percentuale superiore a quella della maggior parte delle altre piattaforme. Inoltre, Tidal consente agli artisti di avere un maggiore controllo sulla propria musica, compresa la possibilit├á di pubblicare contenuti esclusivi.

2. Apple Music

Apple Music ├Ę una piattaforma di streaming musicale lanciata nel 2015. ├ł nota per la sua integrazione con i dispositivi Apple e per l’interfaccia user-friendly. Apple Music paga agli artisti una media di 0,00735 dollari per streaming, leggermente inferiore a Tidal ma comunque superiore a quella di molte altre piattaforme.

Apple Music offre inoltre agli artisti diversi modi per promuovere la propria musica. Ad esempio, gli artisti possono creare le proprie playlist e condividerle con i propri fan. Inoltre, Apple Music ha una funzione chiamata “Connect” che permette agli artisti di condividere con i loro fan contenuti esclusivi, come filmati dietro le quinte e brani inediti.

3. Spotify

Spotify ├Ę una delle piattaforme di streaming musicale pi├╣ popolari al mondo, con oltre 345 milioni di utenti attivi. Paga agli artisti una media di 0,00318 dollari per stream, una cifra inferiore a quella di Tidal e Apple Music, ma comunque significativa se un artista ha molti stream.

Nonostante il tasso di royalty pi├╣ basso, Spotify ├Ę noto per le sue politiche favorevoli agli artisti. Ad esempio, Spotify consente agli artisti di inviare la propria musica direttamente alla piattaforma, il che pu├▓ aiutarli a farsi scoprire da nuovi fan. Inoltre, Spotify ha una funzione chiamata “Spotify per gli artisti” che permette agli artisti di monitorare i propri stream e vedere chi sta ascoltando la loro musica.

4. YouTube

YouTube ├Ę una piattaforma di condivisione di video che consente anche agli utenti di ascoltare musica. Paga agli artisti una media di 0,00069 dollari per streaming, che ├Ę significativamente pi├╣ bassa rispetto alle altre piattaforme di questo elenco. Tuttavia, YouTube ├Ę ancora uno strumento prezioso per gli artisti grazie al suo pubblico massiccio.

YouTube ha oltre 2 miliardi di utenti attivi mensili, il che significa che ├Ę un modo eccellente per gli artisti di far conoscere la propria musica a un vasto pubblico. Inoltre, YouTube offre diverse funzioni che possono aiutare gli artisti a promuovere la loro musica, come la possibilit├á di creare video musicali e collaborare con altri creatori.

5. Amazon Music

Amazon Music ├Ę una piattaforma di streaming musicale lanciata nel 2007. Paga agli artisti una media di 0,00402 dollari per streaming, inferiore a Tidal e Apple Music ma superiore a Spotify e YouTube.

Amazon Music offre anche diverse funzioni che possono aiutare gli artisti a promuovere la loro musica. Ad esempio, Amazon Music ha una funzione chiamata “Amazon Music for Artists” che consente agli artisti di monitorare i propri stream e vedere chi sta ascoltando la loro musica. Inoltre, Amazon Music consente agli artisti di pubblicare contenuti esclusivi, come registrazioni dal vivo e versioni acustiche delle loro canzoni.

Conclusione

In conclusione, Tidal paga il maggior numero di royalties agli artisti, con un pagamento medio di 0,0125 dollari per stream. Tuttavia, Apple Music, Spotify, Amazon Music e YouTube offrono tutti strumenti preziosi agli artisti per promuovere la loro musica e far crescere la loro fanbase. In definitiva, la migliore piattaforma musicale per un artista dipende dalle sue esigenze e dai suoi obiettivi individuali.